<< Previous Next >>

falcus tinnunculus


falcus tinnunculus
Photo Information
Copyright: mario gallu' (mario-roberto) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 208 W: 51 N: 272] (2627)
Genre: Animals
Medium: Color
Date Taken: 2007-10-14
Categories: Birds
Camera: Canon 10D, Canon EF 300 f4L
Exposure: f/5.6
Photo Version: Original Version
Date Submitted: 2007-11-09 11:39
Viewed: 5394
Points: 8
[Note Guidelines] Photographer's Note
in German it's called "Hawk Belltower"

a me sembra un gheppio.
la traduzione della trascrizione, letteralmente, era Falco Campanile. ovvio il motivo di un tale nome.

QUesto e i prossimi scatti vogliono rappresentare la condizione di vita di questi uccelli.
sebbene le gabbie siano più larghe di quelle che comunemente si trovano negli zoo, sono e rimangono sempre gabbie. gli uccelli sono spaventati dagli esseri umani e stazionano il più lontano possibile dalle passerelle.

è la prima volta che lo dico per una mia fotografia: penso sia buona .

l'invadenza della rete sul volto, quella specie di barbigli che sendono quasi come due lacrime. nessuna possibilità di volo. due aree: una azzurra, priva di vita: fredda e insensibile. L'altra calda, quindi viva, ma posta al di fuori della gabbia.

cosa ne pensate?

ciao, mario

Silvio2006 has marked this note useful
Only registered TrekNature members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekNature members may write critiques.
Discussions
ThreadThread Starter Messages Updated
To nardophoto: ciao angelomario-roberto 1 11-12 23:50
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

Ciao Mario, che triste vedere tutte quelle reti, gli uccelli sono belli quando son liberi di volare, così son solo tristi da vedere, ma capiscolo spirito con cui l'hai postata, buon week end, ciao Silvio

mamma mia che pena che fa in gabbia

...certo l'immagine parla da sola.
Ma tieni presente che in genere i rapaci che vedi negli zoo moderni oppure in strutture come quello della foto, ospitano uccelli che non possono più vivere in natura (sia perchè presentano un handicap post traumi o ferite, o perchè imprintati dall'uomo) e che quindi vengono usati a scopo divulgativo o didattico in ambienti di parco o zoo.
Spero, visto che hai avuto l'opportunità di fotografare da vicino dei rapaci diurni e notturni che tu sia riuscito a realizzare dei buoni ritratti di questi animali dato che in natura è quasi impossibile.
TFS
Angelo

Ciao Mario.
Anch'io sono convinto che le specie rinchiuse li siano solo esemplari che avrebbero difficoltà a vivere allo stato naturale. Pertanto forse è meglio che stiano li in gabbia piuttosto che morti.... :(

Paura dell'uomo magari ce l'hanno... ma perlomeno un "pasto caldo" se lo trovano tutti i giorni. ;)

...............

Calibration Check
















0123456789ABCDEF