<< Previous Next >>

Massiccio del Sirino e Lago Laudemio


Massiccio del Sirino e Lago Laudemio
Photo Information
Copyright: Marilena Dalex (Mari63) (1)
Genre: Landscapes
Medium: Color
Date Taken: 2008-08-20
Categories: Mountain
Exposure: f/2.8
More Photo Info: [view]
Photo Version: Original Version
Date Submitted: 2008-08-31 7:50
Viewed: 9713
Points: 0
[Note Guidelines] Photographer's Note
Il massiccio del Sirino, con i suoi 2000 metri d’altezza è il secondo gruppo montuoso dell’appennino meridionale dopo il Gran Sasso.
"Il massiccio, estrema propaggine meridionale del Parco nazionale della Val d'Agri e Lagonegrese, comprende alcune tra le maggiori cime dell'Appennino meridionale: monte Papa (2.005 m), cima De Lorenzo (2.004 m), monte Sirino (1.907 m).
Dall’aspetto imponente ma compatto, il gruppo montuoso è situato a ridosso del mar Tirreno, nella parte sud occidentale della Regione Basilicata, a dominio delle valli solcate dai fiumi Noce, Sinni ed Agri.
Dalle sue vaste e spoglie praterie di vetta lo sguardo spazia verso il golfo di Policastro, i vicini monti del Cilento, le guglie irte e selvose dei monti Zaccana e la Spina, l’imponente acrocoro del Pollino, il vasto ed immacolato bosco Magnano, i ripidi contrafforti del monte Alpi, il monte Raparo e le ampie e verdeggianti valli di Diano e dell'Agri. E’ una montagna calcarea dal paesaggio vario, abitata sin oltre i 1000 metri; casette montane, piccoli poderi, minuscole cappelle, scuole, lasciano il posto alle querce, ai castagni, ai faggi. Nei punti più fitti del bosco trovano il loro habitat l’ontano, il carpino, il pioppo bianco e l'abete bianco. Spicca su tutti il noce, probabilmente indigeno. Tra i 1800 e i 2000 metri, alcune specie rare, tra cui, unica e soltanto qui, un'erba, la Vicia sirinica (veccia del Sirino).
Tra la fauna, la ghiandaia e il picchio verde, qualche esemplare di volpe e persino di lupo: gli appassionati di montagna, che qui vanno per passeggiare nei boschi, fare escursioni o sciare a soli 15 chilometri dal mare, giurano di riconoscerne le orme sulla neve. Tra le formazioni geologiche visibili a occhio nudo, interessanti le “marmitte dei giganti”, enormi invasi di roccia frutto di erosione. Il lago Sirino è situato alla base del monte omonimo: lungo 250 metri e largo 100, esteso per 3 ettari, profondo al centro circa 8 metri. Deve la sua fama al paesaggio, una cornice di ontani, pioppi e querce secolari e alla presenza di splendide trote.
Il lago Remmo o Laudemio, posto ad un’altitudine di 1.525 m, è il lago di origine glaciale più meridionale d’Italia: esteso per poco più di due ettari ed immerso in una fitta ed alta faggeta, si è formato a seguito dello sbarramento costituito dalla morena frontale di un grande ghiacciaio che nel quaternario scendeva per circa quattro chilometri dal lato nord del monte Papa (2.005 m), sino ad arrivare in località Petinachiana."
A.P.T. Basilicata e Wikipedia


Only registered TrekNature members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekNature members may write critiques.
Discussions
None
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

No critiques
Calibration Check
















0123456789ABCDEF