<< Previous Next >>

garzetta


garzetta
Photo Information
Copyright: Sante Perazzolo (sante2010) (52)
Genre: Animals
Medium: Color
Date Taken: 2010-03-31
Categories: Birds
Camera: Canon 350D EOS, EF 75-300mm III USM
Exposure: f/1.3, 1/1000 seconds
Photo Version: Original Version, Workshop
Date Submitted: 2010-03-31 11:10
Viewed: 2878
Points: 4
[Note Guidelines] Photographer's Note
Egretta garzetta

La garzetta (Egretta garzetta, Linnaeus, 1766) è un uccello ciconiiforme della famiglia degli Ardeidi.

La garzetta è lunga circa 55-65 cm, il suo peso varia da 350 a 650 g ed ha un'apertura alare di 85-95 cm. Il piumaggio è interamente bianco, il lungo becco è nero, come le zampe, mentre i piedi sono giallastri. L'iride è gialla. In abito nuziale questo airone sviluppa alcune penne ornamentali molto lunghe sulla nuca, alla base del collo e sul mantello. Non esiste una caratteristica evidente che differenzia i due sessi.

La garzetta, come del resto quasi tutti gli aironi, è un uccello molto legato all'acqua. Infatti frequenta prevalentemente ambienti acquitrinosi, canali, stagni, fiumi. È presente in quasi tutto il bacino del Mediterraneo, Africa, Asia meridionale, Australia e Indonesia.

Le popolazioni italiane di garzetta sono in parte migratrici e in parte sedentarie. Quelle migratrici nidificano nella pianura padana e svernano in Africa oppure sono popolazioni nidificanti in Europa centrale che vengono a svernare nel nostro Paese.

Aiutandosi con le lunghe zampe e sfruttando la rapidità e la precisione dei suoi colpi di becco, caccia le sue piccole prede in acque basse. Spesso la si può osservare in piccoli gruppi o insieme ad altri aironi. Durante il suo volo lento e regolare, la garzetta ripiega il collo verso il corpo formando una caratteristica "S".

Generalmente silenziosa, nel periodo degli amori la garzetta diventa molto loquace.

Si nutre di piccoli vertebrati come pesciolini, anfibi e rettili e invertebrati quali crostacei, molluschi e insetti che cattura con colpi precisi del becco da un posatoio emerso o inseguendoli con i lunghi trampoli in acque basse.

Nidifica in colonie (anche miste con altri ardeidi) in boschetti prevalentemente in ambienti acquitrinosi, costruendo grossi nidi fatti di rami secchi, su pioppi, salici, altri alberi ad alto fusto o anche grossi cespugli. Nel mese di aprile la femmina depone 3-5 uova di colore verde-bluastro che cova insieme al maschio per circa 3 settimane. Dopo 20-25 giorni dalla schiusa delle uova, i piccoli abbandonano il nido e un paio di settimane dopo sono atti al volo. In un anno viene deposta un'unica covata.

maurydv has marked this note useful
Only registered TrekNature members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekNature members may write critiques.
Discussions
None
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

Ciao Sante,
un'ottima composizione, ma gli aspetti tecnici possono essere migliorati, se questa ripresa l'hai fatta con lo zoom a 300 mm probabilmente i dati di scatto sono errati f/1,3, 1/1000, manca un po' di contrasto e di definizione già in fase di ripresa, ma per ottenere ottime immagini digitali devi fare anche una elaborazione successiva al computer con un programma tipo photoshop; inoltre ti conviene sfruttare la possibilità dei 300 Kb (la tua immagine è di poco meno di 100 KB). Gli aspetti tecnici si possono comunque migliorare facilmente, e se non fai una successiva elaborazione cerca d'impostare già la fotocamera per la fase di ripresa con un maggior contrasto e scattare impostando una qualità elevata.
Ti ringrazio per gli auguri di Buona Pasqua che ricambio ed estendo anche alla tua famiglia.
Ciao Maurizio

Ciao Sante,
concordo totalmante con quanto suggerito da Maurizio.
Complimenti per la foto, cioa Vanni

Calibration Check
















0123456789ABCDEF