<< Previous Next >>

Colubro d'Esculapio


Colubro d'Esculapio
Photo Information
Copyright: Stefano Tito (stefanovet) Silver Star Critiquer/Gold Note Writer [C: 27 W: 0 N: 308] (2043)
Genre: Animals
Medium: Color
Date Taken: 2009-05-22
Categories: Reptiles
Camera: Nikon Coolpix S210
Exposure: f/5.6, 1/80 seconds
More Photo Info: [view]
Photo Version: Original Version
Date Submitted: 2011-09-17 2:12
Viewed: 2775
Points: 12
[Note Guidelines] Photographer's Note
Il Colubro d' Esculapio, o Saettone,una volta comune, sta diventando sempre più raro nelle mie zone, soffrendo l'aumento indescriminato dei cinghiali che fanno strage di rettili di ogni dimensione!! Questa è una foto di due anni fa, e da allora, nonostante frequenti spesso le zone adatte dove vive questo bellissimo serpente, ne ho incontrati pochissimi!

Colubridae Colubrinae
Zamenis longissimus (Laurenti, 1768)

Saettone o Colubro d'Esculapio

Il saettone ,o Colubro d’Esculapio è stato descritto da Laurenti nel 1768. Il nome scientifico attuale di questa specie è Zamenis longissimus,che ha sostituito il precedente Elaphe longissima (Laurenti, 1768) Zamenis è di origine sconosciuta, longissimus deriva dal latino e e significa 'lungo', Il nome comune di 'Esculapio' si riferisce al dio classico della guarigione e della medicina (Asclepio per i Greci ed Esculapio per i Romani) Insieme al Cervone è il serpente più frequente nella famosa processione dei “serpari” che si svolge Cocullo, in Abruzzo. Oviparo, i giovani schiudono con una lunghezza di circa 30 cm, gli adulti hanno una lunghezza media di circa 110 cm e possono raggiungere fino a 200 cm. Le femmine sono più grandi Sottili ed eleganti, questi colubri, hanno squame molto regolarie e lucenti: i giovani possono essere facilmente confusi con i giovani Biacchi, pur avendo un collare giallo sul collo; sono verde chiaro o marrone-verde più scuri lungo i fianchi e sulla schiena. Gli adulti hanno colori molto più uniformi, in genere verde oliva, a volte anche marrone-verde, ed anche quasi nero. Di solito hanno macchie bianco- cerulee su tutto il corpo, ed il ventre giallo. Distribuito in gran parte della Francia, tranne al nord, nei Pirenei spagnoli e nella parte orientale della costa settentrionale spagnola, in Italia (ad eccezione del sud e Sicilia, dove è sostituito dal molto simile “Saettone occhi rossi” Zamenis lineatus), sul lato occidentale della Sardegna (poche segnalazioni), la penisola balcanica e le regioni della Svizzera e Austria. Alcune popolazioni isolate sono presenti nella Germania occidentale e nel nord-ovest della Repubblica ceca. La loro principale fonte di cibo sono roditori ma si nutrono anche di uova e uccelli, essendo abili arrampicatori:i giovani mangiano principalmente lucertole. In genere sono serpenti tranquilli che di fronte all’uomo, fuggono lentamente, ma se minacciati, possono mordere, senza creare nessun problema in quanto non velenosi. In primavera, dopo qualche settimana dalla fine del letargo,inizia il periodo degli accoppiamenti . vengono deposte circa 15 uova (da 9 a 20 ) in un posto caldo e umido.Le uova maturano per circa 10 settimane prima della schiusa.
La vita media di Zamenis longissimus è di circa 25 anni, e raggiungono la maturità sessuale a 80 a 100 cm.
Sono attivi di giorno. Nei mesi più caldi dell'anno, escono nel tardo pomeriggio o la mattina presto. Sono scalatori abili e vivono in genere ai margini di boschi freschi o in zone dove c’è abbondante vegetazione







Colubridae Colubrinae
Zamenis longissimus (Laurenti, 1768) = Elaphe longissima (Laurenti, 1768)
Aesculapian Snake

The Aesculapian snake was first described by Laurenti in 1768, the scientific name of this species is Zamenis longissimus, Zamenis is of unknown origin however longissimus comes from latin and means 'long', this snake is one of the longest over its range. The common name of this snake 'Aesculape' refers to the classical god of healing (the Greek Asclepius and Roman Aesculapius), this snake was encouraged around temples dedicated to him. This species is carried in an annual religious procession in Cucullo situated in central Italy. They are characterised by dark, slim, shinny bodies.
Size They hatch at around 30 cm, averaging about 110 cm growing up to 200 cm. They are slim and elegant. Their scales are very smooth and in the correct light this snake shines. Juveniles can easily be confused with juvenile Grass snakes, also having a yellow collar on their neck. Juveniles are light green or brownish-green with various darker patterns along the flanks and on their back. They appear to have two darker patches in the form of lines running on the top of the flanks. Adults are much more uniform, sometimes being olive-yellow, brownish-green, sometimes almost black. When they have a pale colour, sometimes two darker lines can be visible, but if their body colour is dark, they usually have white freckles all over their body. Their belly is yellow as in most rat snake species Found over most of France except in the north, the Spanish Pyrenees and the eastern side of the Spanish northern coast, Italy (except the south and Sicily), on the western side of Sardinia (?), the Balkan peninsula and parts of Switzerland and Austria. Some isolated populations in western Germany and in the northwest of the Czech Republic. Subspecies
None described.
- romana - former subspecies Elaphe longissima romana is now treated as a separate species- Zamenis lineatus – found in southern Italy and Sicily.
Sexual differences
Females are larger then the males, especially in late spring when they carry their eggs. Diet
Their main food source are rodents this snake being a rat snake (Elaphe s.l.). They also eat lizards and sometimes bird eggs as well as birds. They constrict their prey. Juveniles eat mainly lizards.
Defensive habits
They can be rather tame, confident that their coloration will keep them hidden within their natural environment. They usually disappear and hide, but if cornered they may sometimes stand their ground and try to intimidate their opponent, sometimes with a chewing-like movement of the mouth and occasionally biting.
Reproduction
Breeding occurs when the snakes wake up from hibernation in spring, a week after, they are all looking for each other and mating begins. After only a few weeks about 15 eggs are laid (extremes are from 9 to 20 eggs) in a moist, warm spot, usually under hey piles, in rotting wood piles and other places of this kind. The eggs incubate for around 10 weeks before hatching.
Sexual maturity, life span
The average life span for Zamenis longissimus is about 25 years. They reach sexual maturity at 80 to 100 cm.
Habits
They are active by day. In the warmer months of the year, they come out in late afternoon or early morning. They are apt climbers.
Venom
This is a non-venomous snake.
Habitat
They often live at the edges of cool and sometimes damp woods and in green habitats with lots of trees, bushes and other vegetation. They are also frequently found near rock walls.
Predators
They have little natural predators. Birds of prey are the most frequent of them.

cobra112, maaciejka, maurydv, lousat has marked this note useful
Only registered TrekNature members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekNature members may write critiques.
Discussions
None
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

nice capture! tfs

Ciao Stefano. POV strepitoso che accentua realismo e dinamismo. Anche dettaglio e nitidezza, nonostante la lcue sfavorevole, sono molto buoni. La vedrei bene su una rivista del settore.

Roberto

Hi Stefano.
Brrr :)
I'm afraid of snakes. Excellent photo of this snake. Perfect point of view. Nice colours and composition.
Have a nice weekend,
Maciek

Ciao Stefano,
foto d'archivio che da una parte si fa apprezzare per l'alta qualità fotografica, ma che dall'altra ci fa dispiacere dell'impossibilità di osservare con maggior frequenza questo bellissimo serpente, in realtà bistrattato spesso anche dall'uomo e non solo da suoi eventuali predatori naturali.
Grazie e complimenti
Ciao Maurizio

  • Great 
  • lousat Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 6595 W: 89 N: 15659] (65489)
  • [2011-09-17 15:53]

Ciao Stefano,a me fanno sempre impressione sti serpentelli,per fortuna ne trovo pochi durante le mie uscite..ehehe..la foto e' davvero straordinaria in qualita' considerando il pov e il movimento del soggetto,hai avuto una prontezza di riflessi davvero eccellente.Buona Domenica e complimenti,Luciano

Interesante trabajo de los siempre difíciles de ver y capturar reptiles.
Buen enfoque y colores, con un encuadre algo complicado pero en estos casos
se hace lo que se puede ya que no hay muchas oportunidades de disparo.
Buen Domingo Stefano: Josep Ignasi.

Ciao Stefano, mi son finite le faccine verdi, poi il serpente è tanto bello, ma vuoi mettere con le tue splendide farfalle, certo è innocuo, ma a me fa sempre effetto, luce non facile gestita bene, ottima la nitidezza e i dettagli, bravo, ciao Silvio

Calibration Check
















0123456789ABCDEF