<< Previous Next >>

°Agapanthia cardui°°


°Agapanthia cardui°°
Photo Information
Copyright: Sergio Stella (flashpoint) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 630 W: 133 N: 4324] (28008)
Genre: Animals
Medium: Color
Date Taken: 2012-06-03
Categories: Insects
Camera: Nikon D90, Sigma AF150 f 2.8 EX DG APO HSM
Exposure: f/13.0, 1/10 seconds
Details: Tripod: Yes
More Photo Info: [view]
Photo Version: Original Version
Date Submitted: 2012-06-08 4:25
Viewed: 1955
Points: 6
[Note Guidelines] Photographer's Note
Agapanthia cardui (Carrière J., 1998)


E'la specie più diffusa nell’Italia settentrionale.
Si può ipotizzare che le larve di Agapanthia cardui si sviluppino su aconito ma anche su altre piante, mentre gli insetti adulti prediligano altre piante ancora.
Nera con leggere sfumature color bronzo; le antenne talvolta rossastre, con una fine pubescenza chiara più densa sul capo e sul dorso. La faccia ventrale dell’addome ha delle zone prive di pubescenza spesso poco distanziate.
Corpo stretto ed allungato. Antenne molto fini poco più lunghe del corpo nelle femmine,¼ più lunghe del corpo nel maschio. Testa e pronoto densamente punteggiate. Elitre strette, più o meno fortemente acuminate e arretrate, fortemente e densamente punteggiate.
Gli adulti sono comuni tra aprile e luglio, sugli steli di numerose piante erbacee.
Larve e adulti sono fitofagi, mentre le prime si nutrono dei tessuti interni delle piante, i secondi preferiscono il polline e le foglie.


I cerambicidi sono polifagi, solo raramente sono strettamente legati ad un vegetale. La loro polifagia è tuttavia incompleta, solitamente le larve che attaccano le piante erbacee non colpiscono gli alberi e le larve che attaccano le caducifoglie non colpiscono le conifere.
La vita dei cerambicidi adulti è molto corta, in particolare per le specie in cui la metamorfosi ha luogo in primavera, mentre è molto più lunga per quelle che fanno metamorfosi verso autunno e che passano tutto l’inverno all’interno dei tessuti vegetali.
La vita degli adulti dura generalmente una o due settimane ed è dedicata alla riproduzione. I maschi appaiono prima delle femmine e muoiono dopo l'accoppiamento mentre queste ultime assolvono il compito della deposizione. Esse tastano con l’ovopositore il fusto della pianta prescelta e depongono le uova nelle fessure o le nascondono sotto la scorza o scavano una cavità con le mandibole.
Il periodo d’incubazione delle uova varia, in funzione dell’umidità e della temperatura, da due settimane a più di un mese. Quando le giovani larve si schiudono, si fanno strada nel fusto o nel legno delle piante in cui le uova sono state deposte. In genere la specie Agapanthia cardui predilige soprattutto gli steli delle Carduaceae, ma sono state citate moltissime altre piante.
La maggior parte delle larve di cerambicidi vive nel legno delle piante; praticano una galleria circolare sotto la scorza uccidendo il ramo in cui si trovano, prima di impuparsi. Altre vivono nei tessuti delle piante erbacee e qualcuna nel suolo alle spese delle radici. La maggior parte delle larve scava delle gallerie tra la scorza e gli alburni. La lunghezza di queste gallerie larvali dipende dalle necessità alimentari della larva che mangia il tessuto vegetale scavando la galleria.
La metamorfosi avviene generalmente nel tratto di tronco dove si è sviluppata la larva. Alla fine della galleria, la larva costruisce un allargamento e ottura l’ingresso con del legno agglutinato. Le specie che si sviluppano nelle piante erbacee, si stabiliscono spesso nella regione del colletto delle loro piante ospiti.
Al termine della metamorfosi, l’insetto adulto usa le mandibole per tagliare e respingere il tampone di fibre di legno col quale la larva ha ostruito l’orifizio dell’uscita, prima della metamorfosi.
Agapanthia cardui è diffusa in Europa centrale e meridionale. In Italia è presente soprattutto al settentrione.



fonte scienzenews.it

my mood today for Manassas - Witching hour

Make: NIKON CORPORATION
Model: NIKON D90
Software: Adobe Photoshop CS4 Windows
Exposure Time: 1/10 sec
F-Stop: f/13.0
Focal Length: 150/1 mm
Date Taken: 2012-06-03 10:55
Metering Mode: Center Weighted Average
File Size: 242 kb

uleko, cloud has marked this note useful
Only registered TrekNature members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekNature members may write critiques.
Discussions
None
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

  • Great 
  • uleko Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 3396 W: 172 N: 3310] (10940)
  • [2012-06-08 7:01]

Hello Sergio,
This is a beautiful longhorn beetle very nicely captured on a blade of grass. Great focus on the eye and you show the typical features very clearly. Well composed too.
TFS and best wishes, Ulla

  • Great 
  • cloud Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 497 W: 111 N: 1535] (9539)
  • [2012-06-08 9:13]

Hello Sergio,
The slim beetle and very interesting shape. BG is dark green and very attractive.
Regards Pawel

Ciao Sergio, gran bel Cerambicide, ottima nitidezza, splendida luce e fantastici colori, bravissimo, buon week end, ciao Silvio

Calibration Check
















0123456789ABCDEF